Ampliamento rete

All’interno di questo sito internet l’Associazione fornisce i dati di una Rete di monitoraggio meteorologica ideata dalla stessa Associazione che si basa sulle stazioni installate sul territorio ligure di proprietà dei singoli cittadini che si sono resi disponibili a partecipare a tale progetto; la Rete è in continuo sviluppo ed ha enormi potenzialità, soprattutto per quanto riguarda il monitoraggio delle zone rivierasche a maggiore concentrazione abitativa e di tutte quelle zone dell’entroterra ligure importantissime per lo studio della climatologia ligure e per il monitoraggio delle vie di comunicazione con il resto del nord Italia.

Al fine di proseguire lo sviluppo della Rete Osservativa, offriamo ad Enti e Civiche Amministrazioni la possibilità di una collaborazione in tal senso, attraverso un investimento davvero irrisorio con la possibilità di installare presso la propria sede una strumentazione meteorologica dedicata. L’Associazione, mediante la collaborazione “agevolata” di alcuni professionisti del settore, si occuperebbe del reperimento della stazione meteorologica stessa, della sua installazione a norma e dell’inserimento dei dati da essa forniti all’interno della Rete Osservativa dell’Associazione.

 

Perché le Civiche Amministrazioni dovrebbero dotarsi di una propria stazione meteorologica?

 

Il territorio ligure si caratterizza per la presenza di un’orografia molto complessa che rende più difficile rispetto a molte altre regioni italiane la previsione e la mitigazione del rischio idrogeologico. Nei casi critici un efficace contributo viene fornito dalle reti osservative al suolo, ovvero, dalla conoscenza dei parametri atmosferici come l’intensità di precipitazione, la sua fase (acqua, neve, grandine), la temperatura, l’umidità, il vento e la dinamica spazio-temporale dell’evento stesso, parametri che consentono di meglio stimare quali potrebbero essere gli effetti al suolo e le conseguenze per la popolazione, per i beni e le infrastrutture.

Le previsioni meteorologiche necessitano di un’analisi approfondita sia del quadro generale a grande scala sia di un ambito spazio-territoriale molto più ristretto, soprattutto in considerazione del fatto che il territorio ligure ha capacità di azione e reazione estremamente diverse da una zona all’altra in particolari situazioni di avverse condizioni meteorologiche. Fondamentale, dunque, risulta essere l’utilizzo combinato dei dati in tempo reale con i modelli matematici per meglio formulare una previsione a brevissimo termine dei possibili scenari che si potrebbero verificare.

Per quanto riguarda le osservazioni risulta di fondamentale importanza l’installazione di una Rete Osservativa di stazioni meteorologiche che possa fornire un contributo insostituibile e indispensabile per poter formulare previsioni con un grado di affidabilità elevato nell’arco temporale di poche ore, previsioni tanto più affidabili quanti più dati di monitoraggio in ingresso si dispone. Durante un evento meteorologico risulta fondamentale seguirne l’andamento, e in particolar modo la quantità e la localizzazione della pioggia caduta, del vento e della temperatura. Pluviometri, anemometri e termometri rappresentano i sensori più comuni e diffusi per il monitoraggio in tempo reale della quantità di pioggia, della velocità del vento e dell’andamento termico. Valori che risultano estremamente importanti in caso di situazioni meteorologiche avverse per monitorare l’importantissimo rapporto pioggia/spazio-temporale, le condizioni del vento in caso di mareggiate o incendi boschivi e i valori termici più bassi in caso di possibili gelate o precipitazioni nevose.

E’ essenziale a tal fine disporre di una fitta rete di sensori. Il territorio ligure, infatti, è coperto, sia pure in modo disomogeneo, da una rete osservativa sotto la competenza della Regione, a seguito dell’attuazione del D. lvo. 112/98, importante e fondamentale in funzione di Protezione Civile ad ampio raggio ma che poco si interfaccia con le civiche amministrazioni locali e soprattutto con la popolazione che, secondo noi, dovrebbe avere un maggiore accesso e coinvolgimento riguardo l’andamento delle condizioni del tempo, il suo monitoraggio ed una cultura ambientale, in riferimento al proprio territorio, di più alto livello. La finalità di questo progetto è di fornire un servizio continuativo per tutti i giorni dell’anno e su tutto l’arco delle 24 ore giornaliere che sia di supporto alle decisioni delle autorità competenti per le allerte e per la gestione dell’emergenza e che assolva alle necessità di coinvolgimento della popolazione intera che, dotata di strumenti informatici, possa essere in grado di accedere alla rete di monitoraggio dell’intera regione e del suo singolo comune di appartenenza.

L’Associazione rimane a disposizione per eventuali chiarimenti e/o incontri da pianificarsi, anche in ottica di eventuali attività sperimentali. Abbiamo la possibilità, senza particolari impegni reciproci, di poter illustrare i dettagli di una possibile collaborazione, di fornire la visione di una tipica strumentazione meteorologica e tutto il necessario affinché ogni Ente o Civica Amministrazione possa decidere con grande serenità.

Per chiedere informazioni



Limet
ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it