Sostieni LIMET con una donazione!

ABBIAMO SBAGLIATO, PERCHÉ?

22 Settembre 2019   22:20   Vittorio Scrivo   Editoriale


Immagine di repertorio.


Cari Limettiani, buonasera!

Pur ad evento non ancora concluso, ci sembra opportuno darvi delle spiegazioni in merito alla giornata di oggi che, di fatto, ha in parte disatteso le nostre (preoccupate) aspettative.

La pioggia c'è stata, in alcune zone ne è caduta anche in discrete quantità. Ma perchè è mancato l'evento prospettato nei giorni scorsi e nel bollettino previsionale di ieri sera?

Le motivazioni vanno ricercate in un complicato assetto delle correnti al livello del suolo che i modelli, anche a poche ore di distanza, hanno avuto difficoltà ad interpretare. Chiariamo subito. Questa non vuole essere una giustificazione, semmai una sommessa ammissione dei nostri limiti interpretativi di una modellistica che, purtroppo, sempre più di frequente mostra evidenti difficoltà nell'elaborazione dei dati acquisiti e, di conseguenza, nella simulazione delle evoluzioni atmosferiche su meso e micro scala.

È difficile, davvero difficile per noi previsori riuscire ad anticipare e fronteggiare questo tipo di anomalie. Ma nemmeno è impossibile, specie se dalla propria si ha comunque qualche anno di esperienza.

Ieri sera però, siamo sinceri, di fronte a quel turbinio di carte tanto contrastanti, l'esperienza non ci è sembrata abbastanza. Non ce la siamo sentita di rischiare. Una previsione sbagliata in eccesso è sempre preferibile ad una previsione sbagliata in difetto.

Troppi i modelli che per la seconda parte del dì paventavano una forzatura repentina dello scirocco fin sulla riviera di levante, con la conseguente costruzione di una linea temporalesca semi-stazionaria tra le Cinque Terre e il golfo di La Spezia. Troppi.

Di fronte ad anche solo il più piccolo dubbio che questa evoluzione potesse essere veritiera, non abbiamo potuto fare altro che alzare le mani e redigere un bollettino che non escludesse nulla, nemmeno lo scenario peggiore possibile.
Scenario peggiore che alla fine non si è verificato. Lo scirocco non è riuscito a varcare i confini toscani, lasciando la Liguria in balia dei freddi venti di Tramontana e di un plumbeo cielo simil dicembrino, dispensatore di piogge mai troppo impegnative.

Abbiamo sbagliato amici, abbiamo sbagliato in eccesso. E Va bene così.

Ma come dicevamo all'inizio, l'evento non si è ancora concluso. In questi istanti, va aprendosi una fase di relativa pausa dai fenomeni, in attesa del transito del cuore della perturbazione, previsto tra la prossima notte e le prime ore del mattino di domani. Si tratterà di una passata piuttosto veloce, che dispenserà piogge e probabilmente anche qualche colpo di tuono, specie sul levante regionale. Seguirà un deciso miglioramento delle condizioni del tempo in giornata, in un contesto tuttavia piuttosto fresco.

Daniele Laiosa
Vittorio Scrivo




ALTRI ARTICOLI IN EDITORIALE


Cambia il clima e cambia il modo di appassionarsi alla meteorologia in una regione tra le più colpite dal mutamento climatico in essere. Possiamo..
CHIARIAMO UNA COSA…
6 Novembre 2017 13:20

Chiariamo una cosa. Che si tratti di versante marittimo oppure di versante padano, per questioni orografiche, i nostri torrenti presentano tempi di..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it