Sostieni LIMET con una donazione!

APRILE APOCALITTICO PER LA GROENLANDIA

16 Aprile 2016   14:37   Gianfranco Saffioti   Territorio Resiliente


groenlandia


Qualche giorno fa era stato sottolineato come il 2016 passerà alla storia per il record della più bassa estensione massima invernale della calotta polare artica, con una superficie di 14,5 milioni di metri quadrati: 20mila chilometri quadrati in meno rispetto al record stabilito lo scorso anno.

E' di queste ore invece la notizia, basata sui dati provenienti dalle stazioni meteo locali uniti alle osservazioni satellitari, che in questa prima metà di aprile la Groenlandia sta registrando soprattutto sul settore orientale uno scioglimento dei ghiacci estremamente rapido ed in netto anticipo rispetto all'inizio della stagione di scongelamento che dovrebbe essere statisticamente nel mese di Maggio (prima decade). La notizia è apparsa su diversi giornali anche di fama internazionale come il New York Times nonché su diversi portali scientifici della rete quindi non possiamo trascurarla anche perché le fonti sembrerebbero attendibili (Danish Meteorological Institute).

A lanciare l'allarme è stata l'Omm (Organizzazione mondiale della meteorologia), secondo cui il fenomeno sta avvenendo "troppo e troppo presto". Gli esperti dell'Istituto meteorologico danese hanno rilevato che lunedì 11 aprile il ghiaccio si è fuso, per uno spessore di oltre un millimetro, sul 12% della superficie della calotta. I precedenti record, con uno scioglimento su oltre il 10% dell'area, risalivano a maggio 2010, 2006 e 1990.

Sulla Groenlandia si sarebbe formata una vera e propria cappa di calore. Le temperature nell’Artico risultano decisamente più elevate rispetto alla media stagionale. Sono state registrate punte fino a 10 gradi sopra lo zero da alcune stazioni meteorologiche posizionate sulla calotta glaciale. Si tratta delle conseguenze del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici? Le variazioni climatiche non riguardano soltanto l’Artico. In Antartide ad esempio i ricercatori hanno ideato un sistema per tenere sotto controllo le popolazioni dei pinguini minacciate dai cambiamenti climatici.

Fonte: intelligonews.it




ALTRI ARTICOLI IN TERRITORIO RESILIENTE


Apriamo il 2019 facendo immediatamente un passo indietro... L' occasione è la pubblicazione completa degli atti sul sito genovasmartweek.it dell'..

Riteniamo più che mai utile segnalare l'iniziativa #4undici, una manifestazione unitaria nazionale che si svolgerà Domenica 4 Novembre..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it