Sostieni LIMET con una donazione!

Il canto del cigno

28 Agosto 2015   16:11   Vittorio Scrivo   Focus


"Spaghi" Ensemble: linee grafiche di tendenza, ognuna delle quali rappresenta una variabile meteo rispetto all'emissione ufficiale di riferimento (spago verde).


Mentre culmina l' ultima prova di forza dell'Estate più calda da 140 anni a questa parte, importanti movimenti si preparano in vista del nuovo mese.

Una secca e calda massa d’aria continentale proveniente dalle regioni marocco-algerine va progressivamente contaminando, almeno ai più alti livelli isobarici, il vasto campo anticiclonico di matrice oceanica espansosi da qualche giorno sull’Europa meridio-centrale, e che, oltre a condizioni di tempo stabile e soleggiato, ha recato una nuova impennata delle temperature sulla Penisola tutta.

Tra la giornata di domani e quella di domenica la suddetta figura barica raggiungerà la massima espansione latitudinale, in seno a valori pressori al livello del suolo che, sul nord-Italia, lambiranno i 1020/1022 hpa, conditi da isoterme attorno ai +18°C alla quota altimetrica di circa 1600 m.

Nelle bassure padane e, anche se in minor misura, in prossimità dei fondovalle appenninici, ciò si tradurrà in una sensibile lievitazione termica, con punte massime diffusamente e agevolmente superiori a 30°C.  Sulla ristretta linea costiera, a mitigare ancora una volta gli effetti della pur modesta subsidenza atmosferica, vi saranno le brezze meridionali, complice una superficie marina relativamente fresca (+26° circa).

È il canto del cigno, l’ultimo ruggito dell’Estate più calda dell’ultimo secolo: dai modelli matematico-previsionali infatti, pare chiaro come, in concomitanza con l'incipit di Settembre, primo mese autunnale dal punto di vista meteorologico, le pedine dello scacchiere europeo cominceranno a muoversi in direzione di un graduale, ma drastico cambio circolatorio.

La straordinaria elevazione verso l’Islanda da parte dell’ anticiclone azzorriano, unita alla discesa di instabili masse d’aria di estrazione nord-europea verso le medie latitudini, di fatto decreterà la fine per il grande protagonista di questa Estate, l’Africano; a partire da martedì andremo incontro ad un progressivo abbattimento pressorio, oltre che termico. Per ora fermiamoci qui.




ALTRI ARTICOLI IN FOCUS


Siamo ormai quasi giunti al giro di boa dell'estate 2020, che per il momento sta mostrando il suo lato più benevolo, proponendo fasi anticicloniche..
LE DIVERSE CAUSE DEL CALDO
24 Giugno 2020 18:40

In estate fa caldo: una banale affermazione (ancora di più in tempo di global warming) dietro la quale si nascondono ragioni diverse che possono..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it