Sostieni LIMET con una donazione!

L’ESTATE MEDITERRANEA PROSEGUE SENZA PARTICOLARI ECCESSI

5 Agosto 2019   15:25   Daniele Gallo   Focus




Siamo entrati da poco nell'ultimo mese dell'estate meteorologica (difatti l'autunno viene fatto cominciare per convenzione il 1 settembre), un'estate che di certo ricorderemo per la facilità con cui la colonnina di mercurio si è alzata non solo dalle nostre parti, ma anche su gran parte dell'Europa, nonostante le condizioni al contorno fossero nella norma (intensità del monsone africano e posizionamento dell'ITCZ, ovvero dell'InterTropical Convergence Zone, due indici utili allo studio climatico stagionale).

A soffrire particolarmente il caldo sono state soprattutto le regioni polari, in primis la Groenlandia: come è ben visibile dalla mappa allegata, che rappresenta l'anomalia di altezza di geopotenziale osservata nel mese di luglio rispetto al trentennio compreso tra il 1981 e il 2010, le aree molto vicine al Polo Nord hanno avuto spesso a che fare con alte pressioni ingombranti e durature, che hanno quindi causato il forte scioglimento dei ghiacci, come è stato documentato solo qualche giorno fa dagli strumenti di rilevazione e dalle immagini aeree.

Il Mediterraneo è stato altresì terra di conquista del promontorio nord-africano, e a subirne maggiormente gli effetti sono state proprio le regioni nord-occidentali del Paese. Da sottolineare, viceversa, come ampie aree del nord-est europeo e della Russia siano invece state bersaglio di continui impulsi di masse d'aria particolarmente fredda per il periodo.

Dando uno sguardo a quelli che potranno essere gli scenari futuri, ciò che è possibile affermare con una certa sicurezza è che la zonalità sarà l'assoluta protagonista delle vicende europee: il gradiente termico-barico che andrà a svilupparsi nelle prossime ore fra il Nord Europa (che uscirà quindi dalla morsa del gran caldo dei giorni scorsi) e le basse latitudini determinerà un netto rinforzo della corrente a getto in uscita dagli States. Di conseguenza sul Nord Italia si proseguirà con questo andamento termico senza particolari eccessi e con qualche occasionale possibilità di precipitazioni anche a carattere temporalesco (in particolare tra mercoledì e giovedì).

Successivamente, da segnalare una possibile onda termica mobile, che farà risalire nuovamente le temperature, ma che interesserà soprattutto le regioni del centro-sud, e marginalmente la Liguria, nel prossimo weekend. Tuttavia, al momento, non sussistono le condizioni per una sua stazionarietà, per i motivi di cui sopra, e pertanto non è da escludere un altro break temporalesco già entro la giornata di Ferragosto.




ALTRI ARTICOLI IN FOCUS

L’ESTATE PARTE IN SORDINA
30 Maggio 2020 11:14

Con il mese di Maggio ormai quasi completamente alle spalle, possiamo provare a tirare le somme mostrando la mappa relativa all'anomalia di altezza..

Gli esordi della Nina, la sorellina fredda di El Nino, sembrano essere ai nastri di partenza con una significativa diminuzione delle temperature..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it