Sostieni LIMET con una donazione!

Nubi stratiformi e cumuliformi

Ogni volta che osserviamo un cielo nuvoloso ci rendiamo conto della grandissima varietà di forme, a volte bizzarre e affascinanti, che possono assumere le nubi: anche alle nuvole, così come alle piante o ai minerali possiamo dare un nome.

In meteorologia la classificazione più fondamentale è quella che fa riferimento allo sviluppo verticale della nuvolosità; distinguiamo infatti le nubi stratiformi dalle nubi cosiddette cumuliformi.

Le prime, come suggerisce il nome, risultano sviluppate prevalentemente lungo la direzione orizzontale, talora nella forma di sottili veli ad alta quota, come pure in quella di bassi e densi cuscini estesi per centinaia di chilometri.

I cumuli invece hanno di norma uno sviluppo verticale almeno dello stesso ordine di grandezza di quello orizzontale; sono cumuli sia gli innocui batuffoli tipici di un tranquillo pomeriggio estivo, sia le minacciose nubi temporalesche che producono i temporali più violenti.

La classificazione descritta ha un preciso significato che rimanda alla genesi della nube: la nube stratiforme è il risultato della condensazione del vapore in condizione di correnti ascendenti deboli o addirittura in aria completamente ferma (pensiamo, ad esempio alle nebbie), mentre i cumuli si formano in corrispondenza di masse d’aria umida che salgono piuttosto rapidamente.

Anche il tipo di precipitazione di norma è diverso a seconda che si origini da una nube stratiforme o da una nube a sviluppo verticale; dagli strati si hanno di solito piogge deboli o moderate; invece dai cumuli (in particolare dai cumulonembi) cadono le piogge più violente, o la grandine.

Solo in questo tipo di nube, infatti, i moti verticali sono abbastanza intensi da mantenere ‘a galla’ le gocce di pioggia più grosse e pesanti.

Articoli contenenti il termine 'Nubi stratiformi e cumuliformi'



BREVE TREGUA SOLEGGIATA E MITE. RITORNO DELL’INSTABILITA’ E NUOVO CALO TERMICO IN SETTIMANA.

16 Ottobre 2016   8:43   Stefano Capurro

Una temporanea rimonta dell'alta pressione sul Mediterraneo occidentale garantisce un miglioramento del tempo. Nuovo deterioramento del tempo da martedì con temperature in calo. L'allontanamento verso i Balcani della perturbazione che ha interessato la Liguria nella giornata di venerdì con gli effetti a cui abbiamo assistito, e la contemporanea ma temporanea rimonta della pressione sul settore sud-occidentale del Mediterraneo hanno garantito e garantiranno almeno sino a lunedì un certo miglioramento del […]

L’ESTATE PROVERA’ A FARE SUL SERIO

21 Giugno 2016   7:20   Andrea Mastropasqua

Dopo una prima fase perturbata ed instabile, la stagione estiva nei prossimi giorni busserà alla nostra porta grazie all'espansione di un promontorio anticiclonico di matrice Nord-Africana. Il tempo dovrebbe quindi risultare stabile e soleggiato, con un deciso rialzo termico soprattutto in quota e nell'entroterra. Trattandosi della prima vera ondata di calore, molto probabilmente la superficie del mare ancora relativamente fredda (intorno ai +19° / +20°C) fungerà da "climatizzatore" per le […]

INSTABILITA’ POMERIDIANA

7 Giugno 2016   7:02   Andrea Mastropasqua

Si rinnova il campo di alta pressione che ci sta interessando in questi giorni, con qualche debole intrusione di aria fresca in quota responsabile dei temporali di calore pomeridiani che interessano i nostri rilievi. Dovrebbe tuttavia trattarsi di una giornata più stabile rispetto alle precedenti. Questa mattina cieli sereni o poco nuvolosi praticamente ovunque. Nel corso della mattinata sviluppo di nubi cumuliformi nell'interno con addensamenti più compatti segnatamente su Appennino […]


ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it