Sostieni LIMET con una donazione!

Temporali

Cronaca di una giornata estiva: il mattino presto il cielo si presenta sereno, bastano però poche ore e compaiono i primi cumuli sui monti, sui pendii che per primi sono stati illuminati dal sole.

Il resto della giornata trascorre senza che succeda nulla di particolare, e solo ogni tanto il sole viene oscurato da un cumulo di passaggio.

Poi all’improvviso scoppia un temporale di breve durata e la notte che segue è serena e tranquilla. Eventi di questo tipo vengono denominati ‘temporali di calore’, sono innescati dal riscaldamento diurno e il loro raggio d’azione è molto limitato: una vallata alpina, parte di una provincia, talora solamente alcuni quartieri di una città.

A pochi chilometri di distanza il cielo può essere del tutto sereno e talora si avverte solo un aumento di intensità ed un cambio di direzione del vento.

Il temporale di calore si sviluppa nelle zone continentali in condizioni di debole circolazione atmosferica, anche con pressione relativamente elevata, e la sua origine va ricercata nella formazione di una colonna di aria instabile per cause puramente locali.

Non deve sorprendere che anche per la meteorologia moderna il temporale di calore risulta, quantomeno nella previsione classica a ventiquattro ore, una presenza davvero scomoda.

Per nostra fortuna, la maggior parte degli episodi temporaleschi ha un’origine dinamica, e questi possono essere previsti dal meteorologo grazie ai modelli numerici in uso.

Il temporale di origine dinamica si sviluppa entro una porzione dell’atmosfera che risulta essere instabile anche su lunghezze dell’ordine di centinaia di chilometri.

Vi sono i temporali che si sviluppano lungo le superfici frontali (fronte freddo specialmente) e i temporali che nascono dopo il passaggio del fronte freddo in regioni di elevata instabilità dell’aria, a patto che vi sia aria molto fredda in quota e condizioni favorevoli ai moti verticali.

Nella realtà l’innesco del singolo temporale può ancora essere condizionato dai fattori locali, specie dall’orografia, ma i forti moti convettivi vengono attivati da cause dinamiche ‘esterne’ che sono, in generale, le stesse che concorrono allo sviluppo della nuvolosità e delle piogge non temporalesche.

Avremo dunque temporali su diverse località, e magari più episodi consecutivi.

Non è difficile imparare a classificare il tipo di temporale a cui abbiamo assistito: se l’evento è generato da un fronte freddo il barometro segnalerà prima un calo, poi un sensibile aumento della pressione, diversamente la lancetta del barometro si sarà mossa di poco; se il temporale si sviluppa entro un nucleo di aria fredda non mancheremo di osservare la brusca discesa della temperatura soprattutto durante la precipitazione, ma che perdura anche nelle ore successive, mentre il temporale di calore ha un effetto ‘rinfrescante’ di breve durata, spesso limitato solo al momento dei rovesci.

Più in generale, ovviamente, i temporali che osserviamo all’interno di un periodo di tempo perturbato, che sono preceduti da piogge o che sono seguite da altre ore di maltempo, senza necessariamente un cambio della massa d’aria, hanno sempre un’origine dinamica.

Articoli contenenti il termine 'Temporali'



CEDE L’ALTA PRESSIONE. ONDATA DI TEMPORALI NEL FINE SETTIMANA

28 Agosto 2020   8:53   Stefano Capurro

Deciso deterioramento del tempo a causa dell’arrivo di un’intensa perturbazione atlantica che determinerà rovesci e temporali anche violenti tra sabato e domenica. L’anticiclone che ha garantito tempo soleggiato e caldo durante la settimana sta per cedere sotto l’avanzare di una estesa saccatura atlantica ricolma di aria decisamente più fresca di stampo autunnale. Ci troviamo di fronte alla vera rottura della stagione che avviene a pochi giorni dall'inizio dell’autunno meteorologico (1°settembre). […]

CEDE L’ANTICICLONE, TEMPORALI SCACCIA AFA

3 Agosto 2020   7:42   Stefano Capurro

Una saccatura nord-atlantica tra oggi e domani metterà fine alla prima ondata di caldo afoso. Temporali e temperature in netto calo sulla Liguria. L’anticiclone nord-africano responsabile della prima ondata di caldo afoso sull'Italia sta cedendo sotto l’avanzare da ovest di una vasta saccatura atlantica più fresca. Dopo i forti temporali sviluppatisi nella notte tra sabato e domenica sulla Pianura Padana con nubifragi, grandinate e tempeste di vento originatesi dai venti […]

LIGURIA NELLA MORSA DEL MALTEMPO

21 Ottobre 2019   7:59   Stefano Capurro

Dopo il transito del forte temporale, le condizioni del tempo rimangono perturbate con rischio di nuovi rovesci e temporali sul settore centrale della Liguria E’ stato un risveglio anticipato per molti liguri quello di questo lunedì a causa dell’intenso e vasto fronte temporalesco che, seppur velocemente, ha attraversato quasi l’intera regione da ponente verso levante, escludendo in parte lo spezzino. La linea temporalesca originatasi in Costa Azzurra, sospinta in quota […]

CEDE L’ALTA PRESSIONE, PEGGIORAMENTO DALLA SERATA

14 Ottobre 2019   6:45   Stefano Capurro

Giornata interlocutoria con nuvolosità variabile e qualche precipitazione sparsa in attesa della perturbazione atlantica di martedì. Il lungo dominio anticiclonico di questa prima parte di autunno sta per essere interrotto dall’intervento di una perturbazione atlantica che interesserà la Liguria a partire dalla serata di oggi per poi transitare con il suo ramo freddo nella giornata di martedì apportando un repentino peggioramento delle condizioni meteo con piogge e temporali in particolar […]

VARIABILITA’ SOLEGGIATA LUNGO LE RIVIERE, ROVESCI SUI MONTI

2 Settembre 2019   6:51   Stefano Capurro

Infiltrazioni di aria più fresca nord-atlantica tendono a indebolire il campo di alta pressione sull’Italia. Tempo variabile sulla Liguria con instabilità e temporali pomeridiani sui rilievi. Temperature in calo in montagna. L’anticiclone che ha garantito un ulteriore settimana di caldo estivo con temperature sopra le medie, va gradualmente indebolendosi in queste prime battute della nuova settimana settembrina. Correnti più fresche e instabili in discesa dal Nord Atlantico collegate a una […]


ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it