Sostieni LIMET con una donazione!

PERCHÈ PIÙ AUMENTA IL RISCALDAMENTO GLOBALE PIÙ FA FREDDO

8 Maggio 2019   15:46   Staff Limet   Didattica Rassegna stampa


Il vortice artico che ha portato Chicago a 50 gradi sotto zero non smentisce il global warming, anzi lo conferma.


Esquire
07 febbraio 2019

Sono passati quasi quattro anni da quando James Inhofe, senatore repubblicano dell’Oklahoma, confutò in Senato ogni ipotesi di riscaldamento globale in atto portando in mano una prova incontrovertibile: una palla di neve raccolta subito fuori dal Campidoglio. C’è la neve, fuori, quindi non c’è nessun riscaldamento globale. Come si può battere questa logica?

Farebbe molto ridere se non fosse una logica che praticamente ogni inverno si ripresenta. Berlusconi nel 2010 come argomento portò i suoi raffreddori. Donald Trump ha la fissa per questo argomento, su cui twitta ogni volta che fa un po’ fresco. L’ultima – o una delle ultime, nel caso ne abbia tirata fuori una nuova nel momento in cui leggerete questo articolo – è: "Ci sono 60 gradi sotto zero, le persone non possono stare all'aperto per più di qualche minuto: riscaldamento globale che fine hai fatto? Torna presto, abbiamo bisogno di te!".

È inutile mettere a lanciarsi palle di neve, reali o metaforiche. La natura ha il brutto vizio di comportarsi in modo controintuitivo, e tutto sommato non biasimo chi, in mezzo a una tempesta di neve, sinceramente si domanda se il riscaldamento globale ci sia. Di solito si ripete che clima e meteo sono due cose diverse, ma ovviamente non sono prive di correlazione: il riscaldamento globale si ripercuote ogni giorno sul tempo atmosferico. Solo, non in modo lineare. Perché forse nulla è così poco lineare e così caotico come l’atmosfera terrestre.

Quando pensiamo al riscaldamento globale si dà spesso la cifra dell’aumento della temperatura media: +1,5 gradi centigradi. Il che genera l’impressione che sia una specie di monotono aumento della temperatura: dove facevano x gradi ora ne fanno x+1,5: messo così sembra anche pochissimo, no? Se ci sono 25 o 26,5 gradi che vera differenza fa?

Ma quel grado e mezzo è un modo per dire che c’è più energia nell’atmosfera. Energia significa permettere fenomeni complessi, dinamici e nel caso del clima anche violenti. Quindi quel grado e mezzo medio può significare facilmente dieci gradi in più da una parte e sette in meno da un’altra. Del resto il vostro frigorifero consuma energia, che usa per raffreddare una porzione della vostra cucina (scaldando poi di più da un’altra parte).

Concretamente, sappiamo che esiste una relazione tra riscaldamento dell’Artico ed eventi freddi nell’emisfero Nord. Il motivo preciso non lo sappiamo – abbiamo già detto che il clima è una cosa maledettamente complicata? – ma potrebbe avere a che fare con un fenomeno atmosferico noto come vortice polare: fondamentalmente una grossa zona di bassa pressione centrata grosso modo sul Polo Nord, che ruota in senso antiorario; tecnicamente è un ciclone. Il comportamento del vortice polare dipende dalle condizioni artiche, e in particolare dalla quantità di ghiaccio e neve, che normalmente riflettono la luce del sole. Se al Polo c’è meno ghiaccio a galleggiare sull’oceano l’acqua si scalda di più, ed evapora più facilmente. L’aria diventa più umida, e questo per motivi complicati tende a indebolire ed espandere il vortice. Finché il bordo del vortice non si rompe, e l’aria fredda del Polo (che è magari meno fredda di quanto dovrebbe essere normalmente, ma pur sempre molto più fredda di quella a cui siamo abituati noi) deborda letteralmente verso sud, invadendo il continente. E con lei debordano di conseguenza le tempeste di neve.

Nel caso foste tra gli scettici: adesso ci credete? Se non ci credevate già da prima, al riscaldamento globale, probabilmente non ci credete neanche adesso. Ma non credete a me, che non sono nessuno. Credete a chi tende a ragionare in modo molto egocentrico e pragmatico e ha a disposizione moltissime informazioni. I ricchi imprenditori, ovvero, che invece di ignorare la realtà stanno cercando modi di sfruttare il cambiamento climatico per diventare ancora più ricchi. Se alcune aziende cercano di cavalcare la crescente consapevolezza sociale del riscaldamento globale, altre invece pensano di sfruttare direttamente il cambiamento climatico stesso: Microsoft offrendo servizi informatici che permettano alle infrastrutture di resistere a eventi meteorologici estremi, per esempio. I loro CEO non sanno magari nulla di vortici polari, forcing e correnti a getto. Ma sanno che tutto questo sta succedendo davvero.E che magari possono perfino guadagnarci su, mentre il resto del mondo affonda.

Massimo Sandal




ALTRI ARTICOLI IN DIDATTICA


Il modello GFS cambia , un cambiamento lungo e travagliato costellato da tante false partenze. Molti ne parlano ma quando poi si arriva al dunque non..

Econopoly-ilSole24ORE 21 aprile 2019 L’autore è Enrico Mariutti, ricercatore e analista in ambito economico ed energetico. Founder della..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it