Sostieni LIMET con una donazione!

SETTIMANA DOMINATA DALL’ANTICICLONE ATLANTICO

5 Febbraio 2019   16:40   Daniele Gallo   Focus




Dopo i due passaggi perturbati dal sapore tipicamente invernale, che hanno portato la neve a bassissima quota finalmente anche sulla nostra Liguria (ricordiamo tutti la neve caduta sulla costa del Genovese il 23 Gennaio scorso), era altamente preventivabile un ritorno a condizioni zonali, dovuto al rinforzo a tutte le quote del vortice polare, e quindi anche a quello della corrente a getto in uscita dagli States.

In questo contesto vanno in scena principalmente due figure bariche nello scacchiere europeo, come è ben visibile dall'immagine allegata: l'alta pressione atlantica, che tende ad estendersi sui paralleli abbracciando tutta la Penisola Iberica e quasi interamente l'area del Mediterraneo, e la semi-permanente d'Islanda (e suoi derivati), tornata ad essere molto attiva proprio in questi giorni. Le conseguenze relative a questo scenario sono sempre le stesse: condizioni di tempo pressoché soleggiato in Italia, in particolar modo al Settentrione, e depressioni atlantiche che tornano ad interessare le zone poste a nord delle Alpi. Tale schema barico, tra l'altro, è stato anche amplificato da una particolare persistenza di aree di alta pressione localizzate sul nord-ovest degli Stati Uniti: infatti, molto spesso accade che l'HP addossata sulla West Coast degli USA induca vorticità esasperate nel nord Atlantico e un fisiologico aumento dell'altezza di geopotenziale (e della pressione atmosferica) sul bacino del Mediterraneo occidentale, con l'aria fredda che rimane a migliaia di chilometri di distanza da noi a nord-est.

Piccola variazione sul tema prevista per l'inizio della settimana prossima quando un'ondulazione della corrente a getto in uscita dagli States permetterà all'anticiclone atlantico di ergersi temporaneamente sui meridiani, sufficientemente a far scorrere aria di origine artico-marittima attraverso la Valle del Rodano permettendo un possibile sviluppo di una bassa pressione sul Ligure: la neve, pertanto, potrebbe tornare a cadere quanto meno sul nostro Appennino.

In attesa di avere conferme su tale tendenza, sarà poi importante scoprire se questa sarà solo una fase "apripista" ad altre ondulazioni del getto sempre più marcate nella seconda metà di Febbraio, o se sarà semplicemente un altro fuoco di paglia.




ALTRI ARTICOLI IN FOCUS

IL TEMPO NELL’UOVO DI PASQUA
17 Aprile 2019 14:41

Stiamo vivendo una fase di relativa calma atmosferica grazie alla presenza di un campo di alta pressione, come proseguirà però la situazione..

La circolazione a larga scala, quella che possiamo osservare ampliando il nostro punto di osservazione fino a tutto l'emisfero nord, non può dirci..

COMMENTI



ASSOCIAZIONE CULTURALE LIGURE DI METEOROLOGIA (LIMET)
Via T. Pendola 7/2
16143 GENOVA

P.IVA: 02348020997
C.F.: 92084420097
PEC limet@pec.it
Per qualsiasi informazione riguardante la nostra Associazione potete scrivere a info@centrometeoligure.it

Per richiedere informazioni utili sulla nostra Rete di Rilevamento in Tempo Reale scrivete a staff@retelimet.it